Colloquio di lavoro telefonico

colloquio-di-lavoro-telefonico

Oggi più che mai con questa situazione di necessaria distanza fisica dovuta al Coronavirus è necessario prepararsi al meglio per il colloquio di lavoro telefonico.

Anche in tempi non così difficili, molte aziende o agenzie di selezione ricorrono ai colloqui di lavoro telefonici per una prima conoscenza dei possibili candidati per cercare di capire se la persona chiamata risponde in un certo modo, ed è dunque adatta a un determinato ruolo, o per capire se è veramente interessata al posto di lavoro proposto.

Nella maggior parte dei casi il colloquio di lavoro telefonico viene programmato in anticipo, cioè viene inviata una email oppure viene fatta una prima chiamata per fissare l’appuntamento vero e proprio.

In altri casi però la telefonata arriva, diciamo, a sorpresa per verificare direttamente se siete disponibili e procedere immediatamente al colloquio di lavoro telefonico.

In conclusione: non si sa mai quando un selezionatore o un potenziale datore di lavoro vi chiamerà, quindi per prima cosa ricordare di rispondere sempre al telefono in maniera professionale, soprattutto quando vedete un numero di telefono sconosciuto o che non è tra i vostri contatti.

Verificare anche la vostra voicemail o segreteria, se ne utilizzate una, in modo che anche questa sia seria ed efficace.

Come mai le aziende o le agenzie utilizzano il colloquio di lavoro telefonico?

Solitamente per una prima scrematura dei candidati, magari hanno ricevuto molte risposte all’annuncio e vogliono restringere il campo verificando il reale interesse per quella specifica posizione per poi invitare quelli più convincenti a presentarsi di persona.

Sono anche utilizzate per diminuire tempi e costi di un colloquio reale, nel caso in cui poi ci sia una distanza fisica (per esempio vi candidate per un posto fuori città o fuori Italia) sono un’opzione assolutamente necessaria.

Come superare a pieni voti il colloquio di lavoro telefonico

Per prepararsi al colloquio di lavoro telefonico ho preparato alcuni consigli e delle tecniche che vi aiuteranno a superarlo al meglio.

Un consiglio su tutti: preparatevi come se fosse un colloquio dal vivo.

E tenetevi pronte dopo aver risposto ad un annuncio, perché non sappiamo quando il telefono squillerà.

Per prima cosa, scrivete una lista dei vostri punti di forza e dei vostri punti di debolezza (se avete bisogno di una mano vi mando un’ esercizio molto efficace made in Secondo Round) e anche una serie di risposte alle domande tipiche, ma anche di possibili domande da fare voi all’intervistatore.

Se avete ricevuto un qualche avviso riguardo al colloquio telefonico, riguardate la job description dell’annuncio in modo da chiarire sin dalle prime parole di essere la persona giusta per quel posto (senza confondervi con altri;) e fate un po’ di ricerca sull’azienda – se sapete qual è o avete intuito qualcosa.

Prendetevi anche il tempo di far combaciare il più possibile ciò che è richiesto con quanto offrite sul cv.

Rivedete ancora una volta il curriculum, cercate di memorizzare le date in cui avete svolto un lavoro e quali erano le vostre mansioni principali, soprattutto più pertinenti con la job description.

Dovete risultare a vostro agio e pronte a dialogare sulle vostre competenze e sull’ambiente di lavoro in cui le avete applicate.

Tenete vicino a voi una copia del cv in modo da farvi riferimento durante il colloquio di lavoro telefonico, sarebbe opportuno avere anche una copia dell’annuncio e una della lettera di presentazione, se ne avete inviata una.

Fate pratica

Parlare al telefono non è facile come sembra.

Così come per il colloquio di lavoro dal vivo, è bene fare un po’ di pratica.

Non solo per capire se siete in grado di rispondere alle domande più comuni, ma per capire se avete per esempio dei tick verbali (per esempio ripetete spesso una parola o un intercalare), se fate fatica a pronunciare qualcosa o se parlate troppo velocemente o troppo lentamente.

Per fare pratica l’ideale è farsi aiutare da un’amica –fidata – o da qualcuno della vostra famiglia.

Registratevi, in modo da riascoltarvi e sentire i vostri troppi “uhm” “uh uh” “okay” per cercare di toglierli dalle vostre conversazioni formali. Ma anche per capire se risultate convincenti e non troppo prolisse o stringate.

Consiglio: se non avete nessuno che vi possa aiutare, fate pratica da sole a rispondere sempre registrandovi. Non cercate di memorizzare le domande ma cercate di seguire un senso in quel che dite, questa pratica vi renderà anche meno nervose e vi aiuterà a sembrare più naturali.

Preparatevi per la chiamata

Prima del colloquio di lavoro telefonico, confermate tutti i dettagli del caso: data, orario e il nominativo del vostro interlocutore – se possibile.

Assicuratevi anche se siete voi che dovete chiamare o se sono loro che comporranno il numero.

Se qualcosa andasse male e non riuscite a rispondere, o il recruiter non vi chiama all’orario stabilito, non andate nel panico.

Dovreste riuscire a recuperare, se avete tutti i dettagli.

Consiglio: scegliete, se vi è possibile, uno spazio anche minimo ma privato, comodo e tranquillo, senza distrazioni per concentrarvi sul colloquio.

La giusta etichetta

Ecco il bon ton da colloquio di lavoro telefonico necessario per fare buona impressione sin dal primo momento:

Rispondete solo voi al telefono.

Per prima cosa assicuratevi che nessun membro della vostra famiglia, o amico risponda al telefono per voi cercate di tenerlo vicino e di rimanere nei paraggi.

Utilizzate il vostro nome completo tipo Isabella Tosi in modo che chi chiama si renda subito conto che sta parlando con la persona giusta.

Ascoltate con attenzione e non cominciate a parlare prima che il vostro interlocutore non abbia finito. Se c’è qualcosa che volete assolutamente dire, piuttosto scrivetevelo e ditelo solo quando arriva il vostro turno.

Non preoccupatevi se vi serve qualche minuto per rispondere a qualche domanda ma non lasciate troppo silenzio o che una domanda rimanga in sospeso. Se avete bisogno di farvi ripetere la domanda, piuttosto che rispondere non a tono, chiedetelo con gentilezza.

Mix di Consigli

  • Create una checklist:

rileggete l’annuncio di lavoro e fate una lista delle vostre qualifiche e di come rispondono alle richieste. Tenete a portata di mano questa lista in modo da averla a disposizione durante il colloquio di lavoro telefonico.

  • Il cv:

stampate anche il cv e tenetelo vicino in modo che vi aiuti a rispondere a tutte le domande.

  • Preparatevi anche a prendere appunti:

carta e penna nel caso dobbiate scrivere qualcosa di importante.

  • Nessuna interruzione:

Spegnete tutte le notifiche sul telefono o silenziatele

  • Nel caso riprogrammate:

Se le tempistiche scelte per il colloquio di lavoro telefonico non vi vanno bene, senza essere troppo esigenti risultando poco disponibili, potete anche chiedere un’alternativa, mostrandovi flessibili.

  • Ordine:

via i bambini e gli animali, spegnete stereo, tv e chiudete la porta.

  • Utilizzate un telefono fisso.:

se lo avete, lo so che è una rarità, utilizzate il telefono fisso, così eviterete che cada la linea o che la linea sia disturbata.

Cose da fare o non fare durante il colloquio di lavoro telefonico

•Da fare utilizzare sempre il cognome e il titolo, se è dottore o dottoressa, o almeno signor o signora. Il nome proprio solo se specificatamente richiesto.

•Da fare tenere a portata di mano un bicchiere d’acqua, non c’è niente di male ad avere la gola secca o magari un pizzicore per cui potete sorseggiare del liquido per aiutarvi. Anche un colpo di tosse può essere evitato in questo modo.

•Da fare sorridere. Sorridere rende positivi anche se non ci vedono e cambierà il tono della vostra voce. E’ anche utile stare in piedi durante il colloquio telefonico, perché conferisce alla voce maggior energia ed entusiasmo.

 •Da fare concentrarsi, ascoltare e scandire bene le parole. E’ importante concentrarsi sulle parti salienti della conversazione, ascoltare bene ciò che viene chiesto e parlare lentamente in maniera chiara.

•Da fare prendersi del tempo. E’ perfettamente accettabile di prendersi un attimo di tempo per mettere insieme le idee.

•Da fare prendere appunti. E’ a volte difficile ricordare tutto quello di cui si è parlato, quindi è consigliabile scrivere qualche appunto per non dimenticare nulla.

•Da fare dare delle risposte brevi. E’ importante rimanere concentrati sulle risposte e non prenderla troppo alla larga ma concentrarsi sull’essenziale.

•Da fare avere delle domande pronte da porre a vostra volta al selezionatore. Siate preparate a rispondere quando l’intervistatore vi chiederà se avete qualcosa da chiedere. Preparatevi in anticipo anche per questo.

•Da fare ricordate che il vostro scopo è quello di arrivare al colloquio dal vivo. Alla fine della conversazione, dopo aver ringraziato il selezionatore, chiedete direttamente se è possibile incontrarsi di persona (quando sarà il momento).

•Da non fare fumare, mangiare o bere.

•Da non fare interrompere il vostro interlocutore.

Follow-Up dopo il colloquio di lavoro telefonico

Quando il colloquio volge al termine, assicuratevi di ringraziare, chiedete anche un’indirizzo email se non l’avete. Vi servirà per mandare un messaggio di ringraziamento che confermerà anche il vostro interesse per la posizione.

Questo tipo di messaggio può anche essere utile per fornire ulteriori informazioni relativamente le vostre competenze e qualifiche, qualora vi venga in mente dopo qualche particolare da aggiungere o se non ne avete avuto il tempo durante il colloquio di lavoro telefonico.

Quando la conversazione sarà finita, rivedete gli appunti presi e riscrivete le domande che vi hanno posto e come avete risposto e qualsiasi impressione abbiate avuto, o altre cose da chiedere o da sapere.

Tutto questo vi sarà utile per il prossimo incontro, di nuovo al telefono o in video, e si spera presto, di persona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *