Guida passo a passo per ritrovare lavoro nel 2020

lavoro-nel-2020

Ed eccoci qui con un nuovo anno che inizia, sicuramente sarete piene di buoni propositi – iscrizione in palestra, cibo sano se non addirittura dieta e cose così 😉 e magari tra tutti questi pensieri di rinnovamento emergerà anche finalmente il forte desiderio e il coraggio di mettere mano alla vostra carriera e di ri-trovare lavoro nel 2020.

Non poteva dunque mancare una guida passo passo che vi possa aiutare concretamente a gettare le basi per questa ripartenza.

In quanto a buoni propositi per il nuovo anno, sappiate che non siete le sole: ho letto recentemente sul quotidiano La Repubblica che ben il 93% delle persone ha iniziato il 2020 con questi pensieri e una percentuale altissima pensa di dover fare qualcosa anche dal punto di vista professonale, che sia cambiare settore o trovare un nuovo lavoro.

Ma l’altro lato della medaglia è che dopo pochi mesi questi propositi vengono abbandonati.

Per aiutarvi a prendere sul serio questa decisione e a non cedere alla pigrizia – come invece succede con l’abbonamento in palestra dimenticato in fondo al cassetto – o allo sconforto – ricorrendo al vasetto di crema PandiStelle nascosta dietro le fette biscottate light – la guida per ri-trovare lavoro nel 2020 cercherà di tenervi concentrate per non dimenticare mai il vostro obiettivo.

1: Impegno

Siete infelici perché non lavorate o state facendo un lavoro che non vi piace, invece di lamentarvi con chiunque vi capiti a tiro, impegnatevi per cambiare la situazione.

Finchè non riuscirete a concentrarvi su quello che c’è da fare per raggiungere il vostro obiettivo, vuol dire che non siete ancora davvero pronte per il cambiamento.

Non basta il sogno, è l’impegno quotidiano che fa la differenza.

I piccoli passi fatti ogni giorno.

Una cosa che vi può aiutare a impegnarvi davvero è quella di scrivere quello che volete e di leggere ogni giorno, come un mantra, il vostro obiettivo.

Concentratevi su voi stesse.

I bambini o i ragazzi sono finalmente di nuovo a scuola, i mariti o i compagni al lavoro, le vostre amiche prese dai loro impegni (e dai loro buoni propositi) non avete scuse.

2: Cosa volete fare?

Dovreste sapere quello che volete fare, concretamente, non deve essere solo un sogno.

Scappare da una situazione può spingervi in un viaggio che non sempre sarà piacevole.

E’ necessario capire bene cosa volete fare, essere consapevoli di questo percorso che vi porterà a ri-trovare lavoro nel 2020. Insomma chiarire con voi stesse che state andando in una direzione, non sparare a casaccio.

Non solo: cercate di conoscere le vostre potenzialità e anche che cosa vi piace fare, pensate anche a cosa può essere trasferibile anche ad altri settori, come per esempio se amate parlare o scrivere, relazionarvi con le altre persone, piuttosto che lavorare più dietro le quinte.

Provate anche a cercare di immaginare dove – fisicamente – vorreste lavorare (a casa, in una grande o piccola realtà, …) che tipo di cultura aziendale vi piace, se volete imparare qualcosa di nuovo. Approfondire ogni aspetto per capire meglio e conoscervi meglio.

Andate su un po’ di siti con annunci di lavoro, provate a fare una ricerca generica su qualcosa che vi interessa, per esempio “marketing”, anche se non siete ancora sicurissime o se non sapete bene ancora cosa volete davvero fare in quell’ambito.

Fate lo stesso per altri campi di interesse o legati alle vostre competenze e passate esperienze.

Leggete cosa cercano in quel settore, magari verranno fuori un po’ di idee alle quali non avevate pensato. Fate un elenco delle posizioni più interessanti e trovate anche un comun denominatore tra i vostri interessi e abilità, tipo sono tutte presso organizzazioni no-profit, quali tipo di competenze di marketing prevedono?

3: Trovate le lacune

Una volta determinato quello che lavoro volete trovare avete bisogno di capire cosa vi potrà portare alla meta e quali sono le vostre lacune in questo senso.

La ricerca di lavoro che avete fatto nel passaggio precedente è molto utile in questo senso, prendete le job description che vi piacevano e leggete con attenzione quali requisiti richiedono.

Potete fare anche un esercizio inverso: fate una lista di tutte le possibili obiezioni che vi farebbe un potenziale datore di lavoro o un selezionatore di fronte al vostro curriculum.

Fare un inventario personale e professionale potrebbe portarvi a capire che non avete le competenze o le esperienze tipicamente necessarie per quei ruoli.

E allora provate a rispondere alle obiezioni opponendo dei modi per risolvere la questione, per esempio seguire un corso, o conseguire un’attestazione linguistica.

Potreste anche chiedere a persone che conoscete che lavorano già nello stesso ambito se possono darvi un giudizio sui vostri punti di forza e di debolezza.

Basterà chiedere cos’è necessario per lavorare in un determinato settore e quali sono le skill assolutamente non negoziabili.

4: Colmate le lacune

Una volta compreso che alcune vostre abilità e conoscenze non sono sufficienti per ri-trovare lavoro nel 2020, quello che volete veramente – potreste anche considerare una posizione ponte, cioè un ruolo che vi possa portare da A a B.

Se per esempio, volete cambiare sia settore che ruolo potreste cominciare con il riprendere il vostro ruolo, trasportarlo poi nel nuovo settore e poi cercare di arrivare al nuovo settore.

Anche il volontariato può aiutare nel costruire o ricostruire la vostra fiducia in voi stesse.

Per esempio: se siete nel marketing ma volete andare verso un settore più creativo potete proporvi alla scuola di danza di vostra figlia per curare le pagine social utilizzando anche dei programmi di grafica per poi inserire anche questa esperienza nel curriculum e imparare sul campo.

Guardare video sull’argomento, studiare e leggere vi aiuterà a consolidare questi concetti e in breve tempo potreste proporvi con queste competenze acquisite.

5: Aggiornate il vostro CV

Nel leggere gli annunci, cercate di famigliarizzare anche con la terminologia utilizzata in un determinato settore, soprattutto se siete a casa da un po’, e sul tipo di linguaggio utilizzato e inseritelo anche nel vostro curriculum ma anche su Linkedin.

Non solo: provate a rileggere il vostro cv alla luce degli annunci che vi piacevano: 

pensate possa andare bene?

c’è qualcosa da modificare anche solo nel modo in cui è scritto e impostato?

Siete state chiare nel definire i ruoli che avete ricoperto nel passato e anche le competenze acquisite, le vostre abilità e conoscenze?

Avete bisogno di ispirazione?

Leggete altri articoli sul blog, altrimenti scrivetemi per un consulto gratuito.

6: Passa parola

Oggi ovunque si parla di networking, insomma la vecchia arte delle pubbliche relazioni, e questa dovrebbe essere alla base di ogni ricerca.

Insomma parlatene di questo vostro desiderio di ri-trovare lavoro nel 2020, non è peccato, non vergognatevi e non partire a testa bassa solo perché non siete delle Millennials o perché siete a casa da un po’.

Fatevi sentire, certo senza risultare pedanti e soprattutto inconcludenti, ecco perché partire da voi stesse per capire bene chi siete e dove volete andare è molto utile, perché se non sarete chiare come farete a spiegare cosa state cercando?

Parlate con amici, parenti, conoscenti, tramite i social o di persona, chiedete informazioni, chiarimenti, guardate se ci sono eventi o organizzazioni, associazioni club dedicati al settore che vi interessa, frequentate persone attive e positive.

La cosa peggiore che vi possa capitare è che non succeda niente, o che non riceviate risposta ai vostri appelli, ma in realtà alle persone piace essere utile quindi se potranno aiutarvi lo faranno.

Cominciate a praticare voi gratitudine, solidarietà e gentilezza.

Sono contagiose.

E poi armatevi di coraggio!

Non lasciate i vostri buoni propositi per l’anno nuovo nel cassetto, ri-trovare lavoro nel 2020 può sembrare difficile, ma non è una montagna invalicabile.

Tutto parte dalla vostra determinazione nel capire dove volete andare, dalla giusta preparazione dei vostri materiali, dalle vostre attività per cambiare piccoli o grandi aspetti del vostro profilo, tutti passi da cominciare piano piano.

Ricordate: avete un anno davanti!

E se proprio non riuscite c’è sempre che vi dà una mano: Secondo Round!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *